BIO.LEA.R (Biogas Leachate Recovery)
Life+09/ENV/IT/101

Gestione del percolato

Il sistema di drenaggio del percolato è composto da una rete di tubazioni in HDPE fessurate, inserite in uno strato di materiali inerti con duplice funzione di drenaggio e di protezione, posto tra il sistema di impermeabilizzazione composito e i rifiuti.

IMG_4641_web4_CT 2013Il fondo della discarica è suddiviso in due settori idraulicamente indipendenti; ogni settore è dotato di un punto di raccolta e sollevamento del percolato.
I manufatti di prelievo sono costituiti da due pozzi inclinati lungo la parete della vasca. In ciascun pozzo è posta una elettropompa sommersa per il prelievo del percolato; la tubazione di mandata della pompa scarica il percolato nella tubazione di convogliamento, fino ai serbatoi di stoccaggio provvisorio. Sono installati in totale 10 serbatoi chiusi in PRFV (poliestere rinforzato con fibra di vetro) della capacità di 50 m3 ciascuno, all’interno di due bacini di contenimento in cemento armato seminterrati. Il primo bacino, a servizio della vasca A, contiene 8 serbatoi per una capacità totale di 400 m3, mentre il secondo, costituito da 2 serbatoi, è predisposto a servizio della vasca B.

Il ricircolo del percolato o delle acque meteoriche, che costituisce la base della sperimentazione, sarà realizzato grazie ad un impianto di pressurizzazione collegato alle unità di iniezione di seguito descritte, che metterà in circolo i fluidi di iniezione.

Il sistema di iniezione è costituito dai seguenti elementi:

4 pozzi di iniezione verticale;
8 tubazioni orizzontali forate del diametro di 20 m, disposte ad anello, attorno a 8 pozzi di estrazione del biogas e incentrate su di essi;
8 tubazioni forate orizzontali rettilinee disposte sulla sommità della discarica.

Il percolato e alternativamente le acque meteoriche verranno così utilizzati per umidificare i rifiuti e per sperimentare l’incremento della produzione di biogas nel periodo di post-gestione.